bandiera israele

pavialcentro

Al Jazeera ed il governo israeliano, cosa sta succedendo?

Oggi ci occuperemo della guerra a Gaza, e, più nello specifico, del rapporto sempre più burrascoso tra il governo israeliano e la notissima rete televisiva Al Jazeera, l’unica che da mesi ha il permesso di girare scene, e ciò accade quotidianamente, nelle zone del conflitto. Analizziamo nel seguente articolo cosa sta accadendo proprio tra Netanyahu e la rete in questione, presentando ai lettori anche l’importante svolta presa dal governo in questione nello scorse ore.

Al Jazeera ed il governo israeliano

Le ultime notizie che giungono da Israele sono molto forti, il gabinetto di governo ha deciso, tramite una votazione, di chiudere gli uffici di Al Jazeera nel paese dopo l’aumento delle tensioni delle ultime ora con la rete stessa, e con Hamas. Il rapporto con l’emittente televisiva, va detto, non è mai stato tutto rosa e fiori, anzi, ma ora i rapporti si sono inaspriti al punto che Netanyahu avrebbe minacciato iniziative anche contro il Qatar, paese proprietario dell’emittente televisiva. La decisione ha intensificato la lunga faida di Israele contro Al Jazeera e ha minacciato di aumentare le tensioni con il Qatar, proprietario del canale, in un momento in cui il Paese sta svolgendo un ruolo chiave negli sforzi di mediazione per fermare la guerra a Gaza.

Israele ha chiarito che la decisione è stata presa a causa delle posizioni di Al Jazeera troppo “anti-Israele”, il governo ha cioè asserito che spesso l’emittente televisiva non risultava oggettiva nell’analisi delle notizie, che anzi, spesso risultavano essere particolarmente schierate, e tendenti ad una visione filopalestinese.

piccola bandiera israeliana con vessillo degli stati uniti alle spalle
piccola bandiera israeliana con vessillo degli stati uniti alle spalle-Karolina Grabowska-pexels.com

L’annuncio di Netanyahu

Il governo israeliano ha, nella figura del suo primo ministro, annunciato di aver preso questa decisione su X, il notissimo social media, ma non si conoscono dettagli aggiuntivi. Nello specifico non è stato ben chiarito quando questo provvedimento entrerà in vigore o se questa risulta essere una decisione temporanea e momentanea, o se risulta essere una misura permanente e perpetua. Ovviamente questa decisione influenzerebbe, e non poco, le riprese che da mesi ci giungono da Gaza proprio grazie alla nota emittente televisiva. Nelle prossime settimane avremo sicuramente ulteriori notizie in tal senso e vi terremo aggiornati.

Vorrei solo dare una piccola ulteriore notizia ai lettori, nel momento in cui scrivo, non sono state rilasciate ancora dichiarazioni in merito dal governo del Qatar e dai vertici di Al Jazeera, che tacciono. Probabilmente si vuole attendere l’ufficialità di questa scelta e soprattutto di conoscere i vari dettagli di cui abbiamo discusso in precedenza prima di esprimere una propria opinione in merito. Sicuramente questa risulta essere una mossa abbastanza forte, ed anche rischiosa, che radicalizza forse ancora di più le posizioni in un momento già difficile. Sembra, del resto, che il conflitto sia destinato a continuare nelle prossime settimane e che una conclusione pacifica sia davvero difficile da raggiungere.